venerdì 16 novembre 2012

Candy e Terence

Sono rimasta molto indietro col blog ma purtroppo un grave imprevisto ha richiesto che le mie energie venissero concentrate altrove. Purtroppo Milky, giocando con un altro cane, si è lussato un'anca. Dopo un primo tentativo, fallito, di reinserimento della testa del femore nell'acetabolo dell'anca, siamo stati costretti a prendere la strada dell'intervento chirurgico. Il chirurgo ortopedico ci ha messo di fronte a 3 alternative. La prima era quella di lasciarlo così. Anch'io ho sgranato tanto d'occhi ma a quanto pare ci sono molte più persone di quante non si possa immaginare che non sono disposte a spendere soldi per i propri animali e che quindi scelgono di far fare alla natura il proprio corso.... Scartata questa ipotesi, senza neanche far finire la frase al veterinario, le altre due possibilità erano di inserire un perno nella testa del femore da fissare poi all'acetabolo con una specie di laccio passante o di tagliare la testa del femore. Nel primo caso l'intervento, meno costoso del secondo, prevedeva però un lungo mese di immobilità del cane un una fasciatura a fionda contenitiva. Nel secondo, invece, più costoso, la testa del femore viene tagliata, permettendo alla zampa di tornare in posizione con la possibilità di poter camminare già dal giorno dopo. Abbiamo scelto, senza ombra di dubbio, il secondo intervento riportando a casa Milky il giorno stesso. Ovviamente, pur potendo camminare, per i primi tempi non poteva saltare su e giù dal letto o dal divano come era solito fare. Questo per evitare che i punti interni si strappassero compromettendo il risultato finale. Così ho comprato un materasso in lattice singolo e per quasi un mese ho dormito per terra con lui. La prima notte l'ho passata quasi praticamente in bianco mentre quelle successive mi svegliavo spesso per controllare che stesse bene. Di giorno, mia madre e mia nonna si alternavano per far sì che non restasse mai da solo. Anche la terapia farmacologica non è stata una passeggiata: tra antibiotici, antinfiammatori, antidolorifici e protettore gastrico, siamo andati avanti quasi un mese. Io sono tornata a dormire comodamente a letto solo ieri sera! E' stata dura e riassunta in queste poche righe, raccontate nel momento in cui ormai tutto sta volgendo per il meglio, non sembra neanche di aver vissuto giorni così bui.
Nel bel mezzo di questa odissea c'è stato l'appuntamento con Lucca Comics, che avevamo programmato già da tempo. Per fortuna, dato che le condizioni di Milky erano comunque buone, siamo riusciti a partire il sabato pomeriggio e tornare domenica sera. Sabato siamo arrivati troppo tardi per poter fare un giro in fiera e ci siamo accontentati di andarci la domenica per la tanto attesa asta di Majokko Creazioni.
La domenica sfortunatamente è piovuto quasi tutto il giorno quindi siamo rimasti confinati dentro al Japan Palace in attesa dell'asta, che si sarebbe tenuta nel pomeriggio.
Ho avuto il piacere di incontrare di persona alcuni dei ragazzi del gruppo di Facebook: Laura di Majokko Creazioni, Franca, Liliana, Sara e Giuseppe di Fandom Majokkoshop.
Giuseppe è il creatore del custom di Candy e con lui era nata l'idea di far incontrare il suo modellino col mio di Terence. Purtroppo, però, dopo aver sentito le previsioni del tempo e le previsioni di affluenza alla fiera nella giornata di domenica, non me la sono sentita di rischiare di vedere tante ore di lavoro spiaccicate al suolo e calpestate da decine di piedi incuranti! Questa indubbiamente era l'ipotesi più catastrofica ma i modellini in resina sono davvero molto fragili e tra borse, zaini e ombrelli era meglio non rischiare!
Ad imperituro ricordo di questa giornata, siamo in grado di offrire l'incontro virtuale tra i due dove galeotto fu 'l Photoshop!


Nessun commento:

Posta un commento