mercoledì 28 marzo 2012

Lovely Complex - Risa Koizumi WIP

Alcuni progressi nella realizzazione di Risa.

Le scarpe da ginnastica alte con il lacci


La pettinatura

Ed infine una prova di assemblaggio delle parti e prima mano di primer bianco

martedì 20 marzo 2012

Lovely Complex - Risa Koizumi WIP

Il lavoro continua a piccoli passi e con tanta pazienza!
Ho lavorato sulle maniche del maglione che sono aderenti al polso, al contrario di quelle della giacca.
Ho quindi assottigliato la parte finale


per poi stuccarla per ricreare l'effetto stretto sul polso

Mi sono perfino lanciata tentando di dare l'effetto "pieghe" sul fondo della manica!

Ho cominciato ad abbozzare le scarpe da ginnastica

E ho fatto il colletto alla camicia

venerdì 16 marzo 2012

Lovely Complex - Risa Koizumi WIP


Ho cominciato a lavorare sulla giacca, creando la prima parte della camicia



La divisa invernale di Risa non ha la giacca ma un cardigan, come si può vedere nel particolare qui sotto.

Ho quindi allungato la giacca

per poi modellare il risvolto.

Infine ho modellato bordo per l'allacciatura


giovedì 15 marzo 2012

Lovely Complex - Risa Koizumi WIP

Ho cominciato a lavorare al progetto.
Ho levigato i particolari della giacca


fino ad avere tutta la superficie uniforme.
Dopodichè ho disenato a grandi linee quello che dovrebbe essere il risultato finale.


Ho disegnato la riga delle calze di Risa. Poi dovrò stuccare la riga delle calze alte del modellino originale.


mercoledì 14 marzo 2012

Lovely Complex - Risa Koizumi

Uno dei miei anime preferiti è Lovely Complex. Un anime divertente e romantico, degno degli anime vecchio stile cui io sono particolarmente affezionata.
Purtroppo, però, pare non abbiano realizzato alcun modellino di questa serie, così ho pensato di realizzare una Risa tutta mia partendo da questo


Le modifiche da apportare sono parecchie e forse sarà un progetto troppo ambizioso per me ma vorrei provare comunque ad arrivare alla Risa della sigla finale con la divisa invernale e gli odango.



Quali modifiche dovrò apportare?
Cambiare la pettinatura, allargare gli occhi, realizzare il colletto della camicia, trasformare la giacca in cardigan, accorciare le calze e trasformare i mocassini in scarpe da ginnastica.
Posterò le foto dei progressi!

giovedì 1 marzo 2012

Tokyo 2.1 - Bunkyo Civic Center, Tokyo Dome, Suginami Animation Museum e Akihabara

Giovedì 5 gennaio

Il forte vento del giorno prima aveva spazzato via foschia e smog delle due giornate precedenti, regalandoci, per il nostro ultimo giorno di permanenza, un bellissimo cielo azzurro! Stare quasi due settimane in Giappone e non avere un solo giorno di pioggia è stato un gran bel regalo! Forse la cosa migliore che ci si possa augurare quando si viaggia! Oltre al non ammalarsi, ovviamente! 
E con un cielo così, gli otaku dei panorami non potevano certo farsi scappare l'occasione di salutare Tokyo dall'alto! Siamo quindi tornati al Bunkyo Civic Center ma prima abbiamo fatto un giro intorno al Tokyo Dome. Originariamente chiamato The Big Egg, il grande uovo, il Tokyo Dome è uno stadio polivalente che ospita principalmente partite di baseball ma anche altri eventi sportivi.
Noi non siamo entrati ma abbiamo passeggiato lungo il perimetro dello stadio che è coperta da un'incredibile  struttura a reticolato di vetro e metallo.




All'ultimo piano del Civic Center, un ultimo saluto al caro Monte Fuji che durante questi giorni invernali non si è fatto desiderare e si è concesso spesso all'obiettivo, regalandoci bellissimi ricordi!

Le ultime due foto panoramiche!



Una tappa saltata a causa della chiusura post-capodanno era stata la vista al Suginami Animation Museum.
Questo è un altro luogo che, pur essendo molto carino, entra nella lista delle cose da fare una volta ma da non ripetere. Innanzi tutto per la scomodità nel raggiungerlo, inoltre perchè non offre tantissime cose da vedere.
Il museo è situato in una palazzina di tre piani. Si entra e ci si trova in una hall luminosissima con divanetti e un pianoforte. Poichè l'ingresso è gratuito, non c'è nessuno ad accogliere i vistatori e noi, in un primo momento, ci siamo sentiti un po' spaesati. Infatti in quella sala non c'è alcuna indicazione e sembra di essere in un posto che niente ha a che fare con gli anime! Se non ci fossero stati i bassorilievi con i personaggi dei cartoni sulla facciata esterna, avrei perfino pensato di essere entrata nel posto sbagliato!


Poichè nessuno ci considerava, abbiamo deciso di salire al piano superiore dove abbiamo trovato tante sale conferenze vuote e altri divanetti. La cosa era abbastanza inquietante!
Siamo saliti al piano successivo e finalmente abbiamo trovato la zona museo.
Praticamente era vietato fotografare qualunque cosa quindi posso solo cercare di spiegare quello che si può vedere.
La zona gadget e merchindising è molto scarna e quasi esclusivamente dedicata a Minky Momo e al robot Goshogun. Una tv trasmetteva in loop le sigle dei cartoni.

Molto bella la sala bibloteca/videoteca dove, in scaffali perfettamente ordinati, erano disponibili dvd, fumetti e artbook. La parte cartacea era possibile prelevarla liberamente mentre per vedere i dvd bisognava lasciare i propri dati.  Al centro della sala dieci postazioni pc con cuffie per la visione dei dvd. 
Noi abbiamo sfogliato solo gli artbook, alcuni davvero belli e rari.

I richiami agli anime più famosi c'erano ma poco interessanti.

Nella sala principale c'era una grande colonna bianca, su cui i disegnatori più famosi hanno lasciato la loro impronta.
 





 

Molto carina la zona in cui hanno ricreato i tavoli di lavoro di famosi fumettisti. Purtroppo, come detto prima, era vietato fotografare ed, essendo tutto scritto in giapponese, non mi è possibile riportare ulteriori notizie!

In una sala era possibile testare le proprie capacità nel doppiaggio mentre in un'altra si poteva disegnare con l'aiuto di lavagne luminose. Noi siamo tornati bambini per un'oretta e con fogli e matite colorate abbiamo disegnato questi:

Terminata la vista al museo, siamo tornati indietro per un'ultimo giro ad Akihabara.

Il giorno successivo avremmo avuto l'aereo nel primo pomeriggio, quindi avremmo potuto raggiungere Narita con tutta tranquillità. Per quanto mi riguarda, come ho già detto, ero felice di tornare a casa anche se le 12 ore di volo, da affrontare senza l'entusiasmo dell'andata, mi angosciavano non poco!
E' comunque andato tutto bene ed è stato un viaggio molto tranquillo.