venerdì 20 maggio 2011

Kyoto

Sto andando un po' a rilento col blog perchè nel frattempo sto aggiornando il mio sito con le nuove cose. Inoltre questo caldo non mi aiuta: siamo a maggio e ci sono già 31°. Troppi.... Ad ogni modo proseguiamo!

Luned' 11 Aprile

L'inizio della settimana successiva al nostro arrivo in Giappone è stata inaugurata con la visita a Kyoto. Reduci dall'esperienza un po' deludente di Osaka, abbiamo deciso di prenotare lo Shinkansen per il rientro nella prima serata. E abbiamo sbagliato! Kyoto si è rivelata una città incantevole, per la quale non sarebbe bastato neppure l'intero giorno per visitarla. Probabilmente ci sarebbero voluti minimo 3-4 giorni, se non una settimana.
Col problema del viaggio cancellato a causa del terremoto, per poi decidere 2 giorni prima di partire, non avevo avuto tempo di raccogliere materiale ed informazioni su Kyoto e quindi, purtroppo, siamo andato un po' allo sbaraglio. Ci siamo mossi solo a piedi e questo, seppur dia la possibilità di vedere strade e quartieri, porta via un sacco di tempo.

Usciti dalla stazione la prima cosa che si vede è la Kyoto Tower.

Seguendo poi Karasuma-doori, si costeggia il Tempio Higashihonganji, che noi però non abbiamo visitato.

Ci siamo quindi diretti ad est, attraversando il fiume Kamo, per raggiungere l'antico quartiere di Gion.
E' incredibile vedere quanti sakura impreziosiscano le vie di Kyoto. Probabilmente anche nelle altre stagioni questa città conserva il suo fascino ma il periodo della fioritura la rende davvero un incanto in rosa!

La passeggiata lungo il fiume:


All'ora di pranzo abbiamo comprato due onigiri e ci siamo seduti sul muretto di un canale vicino a Gion per mangiare. Stavamo ammirando i sakura che ripiegavano i rami fin quasi a toccare lo specchio d'acqua, quando una folata di vento ha creato per noi un'incredibile pioggia di petali rosa! Tutte le persone si sono fermate a guardare incantate quello spettacolo ma il posto in prima fila l'avevamo trovato noi!!





Una passeggiata lungo le stradine di Gion, dove si possono ancora vedere persone vestite negli abiti tradizionali.
Seguendo più che altro il flusso di gente, poichè non avevamo idea di dove stessimo andando, ci siamo inerpicati su per una stradina in salita, costeggiata da vecchie abitazioni, ristorantini e negozi di kimono e furoshiki.



La strada terminava in questo spiazzo dove c'era l'ingresso ad un tempio di cui ignoro il nome. Anzi, se qualcuno sa di che tempio si tratta e volesse scrivermelo mi farebbe un piacere!

Purtroppo, però, la nostra passeggiata è stata interrotta da un temporale così abbiamo deciso di tornare verso la stazione per salire sulla Kyoto Tower. Forse complice anche il brutto tempo, sulla torre non c'era molta gente e grazie ai binocoli gratuiti abbiamo potuto ammirare dall'alto Kyoto.
Questa è la strada che abbiamo percorso appena usciti dalla stazione


mentre questa è una foto scattata attraverso le lenti del binocolo! E' il tempio fino a cui abbiamo camminato e di cui non so il nome!


Questa invece è una vecchia casettina, ormai soffocata da due immensi palazzi moderni. Il suo destino sarà sicuramente quello di essere abbattuta per lasciare spazio ad un altro edificio a più piani.

2 commenti:

  1. Ciao
    eh sì, 1 giorno a Kyoto è decisamente poco.
    Con qualche visita nei dintorni varrebbe una settimana piena come minimo.

    Il tempio dovrebbe essere il Kyomizu-dera
    questo, giusto?
    Se siete andati a caso siete stati fortunati. Secondo me è il tempio più bello di Kyoto, soprattutto per la posizione.

    Fantastica la casina schiacciata! :)

    RispondiElimina
  2. Siiii!! E' lui!! Grazie!! :-)

    RispondiElimina