martedì 14 luglio 2009

Caldo da cani

E' da molto tempo che non scrivo.... Un pò perchè i cambiamenti sul lavoro non mi permettono più tanto svago come in passato, un pò perchè, come ogni anno, il caldo mi toglie l'interesse a qualunque cosa. Anche il mio studio del giapponese prosegue un pò arrancando. Troppo caldo per fare tutto ed inoltre la voglia di vacanze comincia a farsi sentire. E' da gennaio che lavoro ininterrottamente con solo un giorno di riposo alla settimana, con l'unica eccezione del week end "Cariprato".
Già.... Atteso con tanto fervore ed entusiasmo ed esaurito in un lampo! Come quando si cerca di trattenere nel pugno una manciata di sabbia: per quanto si cerchi di stringere la presa, ogni granello trova il modo di scappare. Resta comunque il bel ricordo e una montagna di foto! Quest'anno è andata anche meglio dell'anno scorso. La giornata era soleggiata ma piacevolmente ventilata quindi all'interno del palazzetto dello sport non si è dovuto boccheggiare. Le ginnaste erano tante e di ottimo livello. Ovviamente la grande attesa era per la medaglia d'oro Eugenia Kanaeva: bellissima e di un'elaganza fuori dal comune.
Qui un paio di foto che ho scattato:
Per quanto riguarda il fronte familiare, invece, posso dire che ora tutto si è normalizzato. Beauty si è ripreso egregiamente dalla sua cistite. D'altro canto, Milky è stato sottoposto alla detartrase. Operazione che ha privato lui di 13 denti e me di 300 euro... sigh! La situazione era ormai degenerata e la veterinaria si è quindi trovata costretta a drastiche estrazioni. Quando mi ha telefonato, comunicandomi appunto la notizia mi è preso un colpo! Già immaginavo il mio cane sdentato, costretto a mangiare pappe liquide! Invece fortunatamente niente di tutto questo. Il cane, in media, è dotato di 40 denti e le 13 estrazioni non si notano quasi per niente. Inoltre, non avendo più il dolore in bocca, mi sembra molto più vispo e felice.
Restano in tema di cani, ieri ho avuto il piacere di aggiungere ai miei contatti di Facebook un uomo che ammiro e stimo davvero molto: Luca Rossi. (Il TatoTato non me ne voglia!)
Luca è stato l'insegnante mio e di Milky per due estati consecutive. Il termine insegnate è volutamente utilizzato, in quanto chiamarlo istruttore è, a mio avviso, riduttivo. Luca è un istruttore cinofilo, è vero, ma il suo amore per i cani e per il suo mestiere lo rende un maestro di vita. Chi lo conosce e ama i cani può capirmi, gli altri potrebbero invece pensare che esageri. C'è un meraviglioso film intitolato "L'uomo che sussurra ai cavalli", il cui il protagonista possiede il dono speciale non solo di saper addestrare questi maestosi animali ma anche di riuscire a curare loro lo spirito. Luca potrebbe essere definito, invece, "L'uomo che sussurra ai cani"! Vederlo in azione è un'emozione unica in quanto in mano sua un cane cambia radicalmente. Ma non sto parlando di poteri paranormali o influssi magici. Queste sue capacità sono il risultato di tanto amore e di tanto studio. Proprio così. Perchè, come per gli esseri umani, anche il linguaggio del cane è costituito da segnali e regole che se, debitamente introdotte nella quotidianità, aiutano il proprietario ad instaurare un rapporto più equilibrato col proprio amico a quattro zampe. Un esempio può aiutare a capire meglio. Quante volte capita di sentire i proprietari asserire sconsolati: "E' lui il padrone di casa....." Questo non è certo dovuto al caso. Non esistono cani buoni o cani cattivi, così come non esistono bambini buoni o bambini cattivi (ma questo è un altro discorso ancora!), esistono proprietari preparati e attenti e proprietari inesperti ed improvvisati. Un proprietario preparato sa che i cani vivono in branco e all'interno di un branco c'è sempre un capo. Il capo è quello che mangia per primo mentre tutti gli altri stanno a guardare, è quello a cui tutto il resto del branco si deve sottomettere, è il primo a passare attraverso le porte, è lui a decidere quando il gioco inizia e quando il gioco finisce. Queste sono le regole che vigono all'interno di un branco canino. Il branco "misto", invece, di solito com'è?! Il cane mangia prima di noi nella speranza che, sazio, non elemosini a tavola (cosa che poi puntualmente si verifica!). E' il primo ad uscire di casa ed il primo a rientrare. Prende l'iniziativa per il gioco portandoci la pallina e noi continuiamo a tirargliela fino a quando, stanco, non se ne va. Tutti questi errori fanno del cane il padrone di casa o, in gergo, il cane dominante. In poche parole "lo responsabilizziamo". In quanto capobranco si sente in dovere di proteggere il resto del branco costituito però da esseri umani. Questa non è una cosa grave parlando di cani piccoli in quanto ne derivano solo scomodità e piccoli inconvenienti per i proprietari. Il discorso cambia ampiamente quando si parla di cani di grossa taglia in quanto ciò che ne deriva lo sentiamo ormai spesso dai titoli dei telegiornali o dei quotidiani. Mi dispiace molto quando sento parlare di "razze aggressive" o di decreti che prevedono l'obbligo di guinzaglio e museruola perchè, come al solito, non si va alla radice del problema. Il problema non è riuscire ad individuare i cani aggressivi ma individuare i proprietari irresponsabili. Indubbiamente ci sono cani dotati di un maggiore istinto alla dominanza e per questo motivo non dovrebbero essere dati in mano a proprietari che non sono pronti ad instaurare con questi un rapporto equilibrato.Mi sono forse dilungata un pò troppo su questo argomento che, per la verità, non era neanche mia intenzione affrontare! Ma per chi ama i cani come me è spiacevole vedere con quanta superficialità venga trattato ogni giorno il profondo e meraviglioso rapporto che lega l'uomo al cane. Prima di conoscere Luca, io per prima ignoravo tutte queste regole ed ecco perchè lo stimo così tanto. Dalle mie parole si potrebbe pensare che io abbia un cane perfettamente addestrato ma non è così! Con Milky ho fatto diversi errori, alcuni involontari ed altri consapevoli. Alcuni li ho corretti altri li ho mantenuti. Tipo: il cane non deve mai salire sul divano, mai e poi mai sul letto! Ma a questo non potrei mai rinunciare!! :-P
Questo invece l'esempio di un cane perfettamente addestrato. Lei è Estrid, il cane di Luca.

Nessun commento:

Posta un commento